IL PLAUSO DELL'ABBAC AI CARABINIERI E L'INVITO AL DIALOGO CON IL COMUNE PROCIDA – AFFITTI IN NERO ED OMESSA DICHIARAZIONE ALLOGGIATI

Omessa denuncia delle persone alloggiate e affitti in nero, l’Abbac ringrazia i carabinieri dell’isola di Procida che hanno effettuato un servizio straordinario per il controllo dei flussi turistici e il contrasto delle affittanze abusive, riscontrando anomalie ed effettuando nove denunce e sanzioni per 20.000 euro. “Ringraziamo la stazione dei carabinieri di Procida per quest’attività di indagine ed ispettiva che dimostra impegno verso la tutela degli operatori ricettivi regolari e dei consumatori – dichiara il presidente regionale dell’Abbac Agostino Ingenito – L’auspicio è che alla giusta ed opportuna repressione possa seguire un’azione di accompagnamento verso chi intende regolarizzarsi se vi sono le condizioni. E per questo motivo che ribadiamo l’invito all’Amministrazione Comunale dell’isola di Procida, al termine della stagione estiva, di organizzare un tavolo che consenta di coordinare un’azione informativa e formativa verso i residenti isolani e gli operatori al fine di procedere ad un piano di lavoro condiviso che vada nella direzione di qualificare l’offerta ricettiva isolana, compresa quella dei natanti e a tutela dell’ecosistema marino e avviare nuovi percorsi di promozione e tutela”.

23 Visualizzazioni
Graziano Petrucci

Graziano Petrucci

Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli è iscritto all’Ordine degli avvocati. Giornalista pubblicista, si è perfezionato con un master a La Sapienza in «Geopolitica e sicurezza globale» e ha frequentato il master in «Intelligence e Sicurezza» presso La Link Campus University di Roma. Cura la rubrica «Caffè Scorretto» per il quotidiano di Ischia e Procida Il Golfo. Componente dell’associazione «Studi Tradizionali e filosofici Raimondo Di Sangro» di Napoli che si dedica allo studio delle civiltà del passato per una migliore conoscenza del presente. Scrive brevi racconti per «La rivista intelligente.it». Si occupa di comunicazione.