118 e poliziotti senza mascherina che non tutelano sé stessi e gli altri (video)

118 e poliziotti senza mascherina che non tutelano sé stessi e gli altri (video)

Ieri mattina, sul traghetto Caremar Ischia-Napoli delle 08:45, mi è capitato un episodio tanto spiacevole quanto assurdo.

Durante la traversata, nell’area esterna del traghetto si sono radunati quattro operatori del 118 che accompagnavano in ambulanza un anziano paziente a Napoli, ed un presunto operatore sanitario (o almeno auto-qualificatosi come tale) i quali sono stati colti in un evidente assembramento mentre si scambiavano sigarette, strette di mano senza mascherina e senza alcuna protezione personale e con i piedi sulle panchine.

Uno di loro, sempre senza mascherina, non si è fatto problemi ad emettere un forte starnuto in direzione dei suoi colleghi, tra le loro risate, il che ha attirato l’attenzione sbigottita di molti passeggeri che si sono lamentati dicendo “E questi sarebbero coloro i quali dovrebbero proteggerci…”.

A seguito delle lamentele, ed essendosi accorti che diversi passeggeri li stavano fotografando, gli operatori hanno immediatamente indossato le mascherine per evitare ulteriori guai.

Ma la storia non finisce qui: infatti, il presunto operatore sanitario in maglia nera mi ha seguito con fare minaccioso intimandomi di cancellare le foto che a suo dire avevo scattato e minacciandomi di aggressione fisica una volta scesi dal traghetto. Altre minacce di denuncia a mio carico per presunta violazione della privacy non sono mancate.

Durante la discesa dal traghetto non si è fatta attendere un’ulteriore aggressione verbale ed altre minacce personali, tra le urla dell’uomo, e ci è mancato poco che si arrivasse alle mani. Il peggio è stato evitato grazie all’intervento di una pattuglia della Guardia Di Finanza che stazionava a Calata Porta Di Massa per i controlli.

Un agente delle Fiamme Gialle si è interessato alla questione a causa degli schiamazzi dell’operatore sanitario di cui sopra intervenendo senza perdere le staffe, dimostrando di saper mantenere la calma, come si può notare dal video, nonostante l’uomo continuasse a seguirmi e ad inveire contro di me.

Non c’è stata alcuna perquisizione dei miei dispositivi elettronici mancando i presupposti di legge per una tale operazione per cui l’uomo è stato obbligato a calmarsi e a porre fine alla sceneggiata e così sono potuto andar via, lontano da quelle indebite molestie ed aggressioni.

Girando per Napoli per raggiungere la mia destinazione mi sono poi imbattuto in una volante della Polizia di Stato nella quale vi erano due agenti, di cui uno non indossava la mascherina e l’altro la toglieva e la reindossava continuamente, nel bel mezzo dei controlli a contatto ravvicinato con i cittadini.

Tutto ciò a semplice testimonianza che spesso sono proprio coloro i quali avrebbero il compito (e al tempo stesso la missione) di proteggerci e tutelarci che disattendono le regole, mettendo a rischio sé stessi e la salute pubblica. In particolare, gli operatori del 118, che spesso e volentieri sono a contatto con persone anziane e sensibili, dovrebbero prestare maggiore attenzione, soprattutto durante un’emergenza sanitaria globale che ha fatto centinaia di migliaia di morti.

Ciò detto non vuole rappresentare un attacco a tutte le Forze dell’Ordine, agli operatori sanitari e del 118 che ogni giorno con senso del dovere e dedizione svolgono il loro ruolo con impeccabile rigore, ma vuole essere un monito per coloro i quali dovrebbero far rispettare le regole e proteggerci e talvolta disattendono questo dovere con superficialità.

524 Visualizzazioni
Noè Fioretti

Noè Fioretti

Mi chiamo Noè Fioretti, sono del '96, nato a Napoli e cresciuto ad Ischia. Dopo il Liceo Scientifico ho studiato Giurisprudenza per quattro anni ed ora studio Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali all'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Credo nella libertà di opinione e di espressione e sono un paladino della libertà di stampa, ma solo affinché tale stampa sia davvero al servizio delle persone e del Popolo: una stampa sociale, oggettiva, veritiera. I miei campi di interesse sono la politica nazionale ed internazionale, le relazioni geopolitiche, l'attivismo, l'ambiente e tanto altro. Link ai miei articoli: https://www.ischiapress.net/author/fioretti/ .