De Luca chiude i parchi termali? Ora deve assicurare lo stipendio a tutti gli addetti

De Luca chiude i parchi termali? Ora deve assicurare lo stipendio a tutti gli addetti

Il presidente De Luca, da un comunicato stampa dall’Unità di Crisi della Protezione Civile, decreta il divieto dell’utilizzo delle piscine di acqua di mare e termali. Un duro colpo al settore turistico dell’isola d’Ischia, centinaia e centinaia di famiglie senza lavoro, senza sussidi e senza dignità.

Questo quanto dichiarato dal comunicato stampa:

Covid-19, anticipazione ordinanza in pubblicazione servizi “non alberghieri”, piscine e palestre
Si anticipano agli organi di informazione i principali contenuti dell’Ordinanza che sarà pubblicata in serata con relativi protocolli di sicurezza.
Dal 25 maggio 2020:
– Sono consentiti i servizi ricettivi anche “non alberghieri”.
– E’ consentita l’attività delle piscine, escluso quelle con acqua di mare e termali.
– E’ consentita l’attività delle palestre.
In tutti i casi esposti è obbligatorio il rispetto dei protocolli di sicurezza previsti
– Viene inoltre demandata all’Unità di Crisi la redazione dei protocolli per la riapertura dei circoli culturali e ricreativi a far data dal 28 maggio 2020.
Napoli, 24 maggio 2020

Grazie presidente per aver messo in mezzo a una strada un migliaio di persone, una decisione questa che avrà enormi ripercussioni sull’economia turistica dell’isola verde. Tutto ciò premesso, rivolgiamo al Governatore De Luca tre semplici domande:

Come intende risolvere la situazione delle famiglie che rimarranno senza lavoro?

La Regione Campania dispone della capacità economica per sostenere le famiglie?

Cosa intende rispondere alle famiglie che si troveranno senza impiego nei parchi termali?

2.802 Visualizzazioni
Marcello De Rosa

Marcello De Rosa

Amo la mia terra senza se e senza ma. Scrivo la verità perché la verità ci rende liberi. La mia libertà la conquisto giorno dopo giorno svelando il marcio della nostra società