Mangiano da Sorbillo e si sentono male: 14 intossicati

Mangiano da Sorbillo e si sentono male: 14 intossicati

Sintomi di una intossicazione alimentare per una decina di ragazzi, ieri, che si sono sentiti male dopo aver pranzato al centro storico pizze e antipasti. Allertato il 118, i tre sono stati trasferiti al Pronto soccorso del Fatebenefratelli e gli altri quattro giovani al Vecchio Pellegrini, mentre per gli altri tre si è trattato di sintomatologia lieve. Trattenuti per accertamenti, hanno potuto lasciare l’ospedale in tempi brevi e ritornare poi al proprio domicilio. I ragazzi hanno riferito ai medici che hanno cominciato a sentirsi male subito dopo aver pranzato da Sorbillo ai Tribunali. C’è da dire che molte pizzerie usano il nome “Sorbillo” e sono poco distanti l’uno dall’altra. Gino Sorbillo, il noto pizzaiolo napoletano, ha infatti subito risposto: “Nella mia pizzeria, al centro storico – dice Gino Sorbillo – non serviamo altro che pizze, tutte cotte al forno con ingredienti scelti e selezionati. Per cui credo di non avere alcuna responsabilità. In ogni caso sono dispiaciuto perché comunque questi ragazzi hanno avuto una spiacevole esperienza mai capitata in una nostra pizzeria. Anche se non posso avere la certezza, non credo che siano venuti a pranzare da me e comunque sulle centinaia di clienti avuti nessuno si è lamentato».

Trattasi forse di coincidenza ma anche altre 4 persone, sempre dopo aver mangiato nella pizzeria di Sorbillo, però in via Partenope, hanno allertato ieri il 118 per una sintomatologia simile riconducibile ad una intossicazione alimentare. «In questo caso – dice ancora Sorbillo – c’è stata, prima del pranzo, la consegna di una torta fatta in casa che mi era stato chiesto di conservare in frigorifero e che poi è stata servita al tavolo. Attribuisco i sintomi accusati da alcuni commensali di quel gruppo proprio alla torta».

6.685 Visualizzazioni
Ylenia Petrillo

Ylenia Petrillo

Laureata in lingue, insegno lingua inglese ai ragazzi di scuola elementare e media. Sono appassionata di storia locale, con particolare attenzione agli aspetti peculiari della terra in cui vivo, convinta del fatto che il rispetto per tutte le culture, passa sempre attraverso il rispetto e la conoscenza della propria.