La bomba di Casoria risveglia le paure ma anche la resistenza dei Napoletani

La bomba di Casoria risveglia le paure ma anche la resistenza dei Napoletani

È attivo il crowdfunding per aiutare la ripartenza di Pasquale, il giovane imprenditore a cui hanno sventrato un negozio con una bomba a Casoria la scorsa notte

E mmò comme faccio ij?” – un grido disperato quello di Pasquale, il giovane imprenditore ripreso in un breve filmato la notte scorsa a Casoria.

Come fa Pasquale ora che gli hanno sventrato il suo negozio di Casoria (Galleria Marconi) con una vile bomba nella notte che ha svegliato il comune e quelli limitrofi con l’ansia e la paura. Ora che la fatidica “zona arancione” ha colorato la Campania delle abituali luci dei negozi che avevano dovuto chiudere i battenti in questo lunghissimi e difficile periodo che stiamo attraversando, tra crisi economica e sanitaria.

La paura della criminalità, l’ansia per il futuro, le conosciamo bene qui, dove si fa il bello ed il cattivo tempo con chi un futuro vuole costruirlo nella propria terra investendo soldi, tempo, vita personale. La paura di non essere tutelati adeguatamente, conosciamo anche questa qui. Uno Stato che si presenta puntuale ai pagamenti dovuti, ma mai all’appuntamento con la difesa dei suoi cittadini più esposti. La paura collettiva, poi, quella che ti sveglia nel cuore della notte con un forte boato e che non ti fa riprendere più sonno facendoti domandare cosa diamine sia successo giù in strada.

L’altra notte è successo che una bomba ha sventrato l’attività di Pasquale proprio alla vigilia della tanto attesa riapertura. Si indaga, fanno sapere. Certo, è giusto che si indaghi. Speriamo che si traggano conclusioni e risultati in fretta, aggiungiamo. Ma la retorica in questi casi serve a poco, ne abbiamo sentite troppe per ragionare ancora sui fatti e cercare di comprenderli, c’è bisogno di azioni e reazioni. E Napoli reagisce come sa fare. In troppi hanno sentito il gelo attraversare il corpo alle grida disperate del giovane imprenditore, in tanti hanno risposto al crowdfunding organizzato per sostenere ed aiutare Pasquale nella ripartenza.

Reagire come possiamo, gridare come dobbiamo. Noi non ci arrendiamo.

Per sostenere Pasquale Scala, potete andare sul sito gofundme.com o cliccare su questo link: https://gf.me/u/zbqqk9

663 Visualizzazioni
Ylenia Petrillo

Ylenia Petrillo

Laureata in lingue, insegno lingua inglese ai ragazzi di scuola elementare e media. Sono appassionata di storia locale, con particolare attenzione agli aspetti peculiari della terra in cui vivo, convinta del fatto che il rispetto per tutte le culture, passa sempre attraverso il rispetto e la conoscenza della propria.